In Blog

Come spesso accade, quando vogliamo ascoltare qualcosa di un dj o di un gruppo, digitiamo il nome che ci interessa sulla barra di ricerca di YouTube e scorriamo la pagina verso il basso finché non selezioniamo il video che più ci ispira.
Con Carl Craig non è proprio così.
Dico che non è così perché, scrivendo Carl Craig, appare di tutto: dai live in discoteca alle orchestre di musica classica, dai pianoforti a vecchi vinili techno!
Succede allora che ti blocchi e cominci a scorrere la pagina su e giù per capire se è sempre lui il protagonista dei vari video, e per vedere se, dietro alla consolle, compare sempre lo stesso volto…


Di certo non possiamo dire che a Carl Craig non piaccia sperimentare.
Nella sua lunga carriera ha prodotto un gran numero di progetti musicali come: 69, BFC, C2, Innerzone Orchestra, No Boundaries, Psyche, Paperclip People e Tres Demented; fino ad arrivare a Versus, nel quale combina la techno alla musica classica.
Versus è forse, il progetto che più ha impegnato e, in un certo senso, messo alla prova il talento di Carl, l’artista della Motor City comincia, infatti, a collaborare con la French orchestra Les Siècles, Francois Xavier Roth, il pianista Francesco Tristano e Moritz Von Oswald, suonando nelle sale concerto della Germania, arrivando fino a quelle di Parigi e di Milano, un contesto assai diverso dai soliti palchi dei festival.


Articolo di Paolo Zonta.


Recommended Posts

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search