Quando dj Tennis mi ha parlato la prima volta di Life of Marvin, durante la sua data a HUND in Novembre 2016, sono rimasto estasiato. Ero in hotel assieme a lui, Dino Angioletti e Fabrizio Maurizi (aka Bassa Clan) prima della loro esibizione, ed ha cominciato a parlarci di questo progetto ed a farci sentire alcune tracce che sarebbero uscite.

Per chi, come me, è cresciuto con la mediterranean progressive, l’emozione è stata davvero forte. La rivincita di certe sonorità perdute, i viaggi che quella tipologia di musica sa farti fare. Ho cominciato a chiedergli notizie sulla data di uscita fin dal giorno dopo!

È passato qualche mese, e finalmente Life of Marvin ha preso vita, con due tracce a dir poco uniche: Crossed Movements di Roby J e Clinic Rhythm di Sick Hardcore. Due tracce molto diverse fra di loro: la prima quasi da apertura, la seconda da serata inoltrata. Ma con un sound inconfondibilmente early nineties da paura!

LIFE OF MARVIN: IL PROGETTO

Il progetto nasce da Dj Tennis (aka Manfredi Romano) e da Marvin Marvin & Guy (aka Italo Deviance aka Marcello Giordani e Alessandro Parlatore). Mossi dalla passione e dai ricordi della loro gioventù. I tre si sono messi a riascoltare e ricercare molti dischi della scena techno di inizio anni 90, spinti dalla volontà di riportare alla luce tutto il movimento che ha portato alla nascita della “Progressive Techno”.

Il primo ep da nuova luce a due tracce prese dal catalogo originale della Interactive Test Records, etichetta di Franco e Riccardo Falsini. Un vero e proprio riferimento della scena disco fin dai primi anni 80. All’interno della stessa, hanno realizzato alcuni artisti italiani come Roby J, Francesco Farfa, Gabry Fasano, Marco Calderoni.

LIFE OF MARVIN: LA PAROLA AI CREATORI

Prima di pubblicare l’articolo, ho voluto far due parole con dj Tennis, e gli ho chiesto cosa lo aveva spinto di preciso a muoversi in questa direzione. Oltre ad avermi raccontato che nei primi anni 90 viveva a Pisa, e che quindi si era vissuto i tempi d’oro di alcuni club che io ho potuto conoscere solo grazie alle cassette che mi ascoltavo con il mangianastri o con lo walkman e grazie a cui mi sono innamorato della musica elettronica, come l’Insomnia, l’Imperiale ed il Jaiss, mi ha rilasciato questa dichiarazione da parte sua e di Marvin & Guy:

Negli anni ’90, la techno e la house italiana erano il riferimento più ovvio per chi voleva andare a ballare. Con le nostre vecchie auto, “la panda” o “la uno” o magari la (già allora) vecchia “ritmo diesel” ci spostavamo da una regione all’altra per andare ad ascoltare e ballare quello che allora era il suono del futuro. Vivendo tra La toscana e L’Emilia a Romagna i nostri eroi erano Roby J, Gabri Fasano, Dj Miki, Farfa e molti altri… Il suono di allora era fresco, sporco e fatto con pochi mezzi. Crediamo che ricordare quelle sonorità e riportarle alla luce sia una cosa importante.

Per acquistare subito una copia di Life of Marvin 001, clicca qui: ​https://bordelloaparigi.com/shop/musica/life-of-marvin-vol-1/

Articolo di Alberto Batty

Resident dj e producer

www.facebook.com/Phatool

_

commenti

Recommended Posts